documenti

piano saudita per la pace in medio oriente
28 marzo 2002

Quello che segue Ŕ il testo del piano di pace per il Medio Oriente proposto dal principe ereditario saudita Abdullah bin Abdul Aziz e fatto proprio dal vertice della Lega araba a Beirut il 28 marzo del 2002.

"Essendo i Paesi arabi convinti che una soluzione militare del conflitto non porterÓ alla pace nŔ porterÓ sicurezza alle parti, il Consiglio (della lega Araba):

1 - Chiede a Israele di riesaminare le sue politiche e di dichiarare che una pace equa Ŕ anche la sua opzione strategica.

2 - Chiede inoltre ad Israele di impegnarsi solennemente per:
I - Il ritiro da tutti i territori occupati dal 1967 in poi, tra cui le Alture del Golan siriane fino alla linea di confine del 4 giugno 1967, oltre che i restanti territori libanesi occupati nel sud del Libano.
II - Il raggiungimento di una soluzione equa del problema dei profughi palestinesi, da concordare sulla base della risoluzione 194 dell'Assemblea generale dell'Onu.
III - L'accettazione di uno Stato palestinese indipendente e sovrano sui territori occupati dal 4 giugno 1967 in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, con Gerusalemme Est come sua capitale.

3 - In conseguenza di ci˛, i Paesi arabi si impegnano solennemente in quanto segue:
I - A considerare concluso il conflitto arabo-israeliano, a stipulare un accordo di pace con Israele e ad adoperarsi per la sicurezza della regione.
II - Ad allacciare normali relazioni con Israele nel contesto di questa pace globale.

4 - (Il Consiglio) assicura che respingerÓ qualsiasi tentativo di dare una patria ai (profughi) palestinesi che sia in conflitto con la particolare situazione del Paese ospitante.

5 - Chiede al governo e al popolo di Israele di accettare la presente iniziativa per salvaguardare le prospettive di pace ed impedire un ulteriore spargimento di sangue, in modo che i Paesi arabi e Israele possano vivere in pace e in un rapporto di buon vicinato e garantire alle generazioni future sicurezza, stabilitÓ e ricchezza.

6 - Invita la comunitÓ internazionale, nonchŔ tutti i Paesi e le organizzazioni, ad appoggiare questa iniziativa.

7 - Chiede alla presidenza del Vertice di costituire uno speciale comitato cui partecipino alcuni dei Paesi interessati e il Segretario generale della Lega Araba, per stabilire i contatti necessari alla ricerca di consensi per questa iniziativa ad ogni livello, e in particolare presso le Nazioni Unite, gli Stati Uniti d'America, la Federazione russa, i Paesi musulmani e l'Unione Europea".